Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

.

 

« Censure or not censures ? »

 

Jean-Marie de Bourqueney

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

7 dicembre 2014

Come protestante, liberale per di più, sono allergico all'idea stessa di censura. La libertà è un dovere, un'esigenza, un modo di essere. La censura è l'alleato oggettivo del dogmatismo. Chi ha il diritto, in nome di cosa e di chi, di proibirmi di pensare? Chi potrebbe, in nome di una prudenza essenzialmente conformista, limitare l'audacia del mio pensiero? Quale Chiesa potrebbe, in nome della sua contestabile tradizione, inquadrare la mia lettura e la mia ermeneutica biblica? Quanti pensieri originali, creativi, convincenti, in una parola geniali, sono scomparsi dalla nostra memoria e dalla storia in nome della censura? La censura è il braccio armato dell'ordine, mentre la libertà è la penna del pensiero. Vade retro, censura... io ti combatterò con tutta la forza del mio pensiero e della mia vita.

E tuttavia... Quando vedo che al giorno d'oggi, in nome del rifiuto della censura, tutto può essere detto, pensato, filmato, visto, ascoltato, allora mi dico che forse stiamo sbagliando strada. Ognuno può pensare quello che vuole, si dice. Ma bisogna che sia un pensiero, con l'esigenza e la costruzione di un pensiero. Invece una semplice opinione, spesso del resto composta di idee prefabbricate e di espressioni povere, passa per un pensiero. Bisogna “essere se stessi”, bisogna “essere autentici”... Ma si può essere autenticamente cretino... e anche autenticamente carogna! Allora mi dico che l'autocensura dovrebbe essere una coniugazione della ragione. Quando vedo che oggi l'ambiente letterario è dominato da un'opera indecente, una “testimonianza di verità” di un'omicida, mi dico che talvolta l'autocensura dovrebbe essere una coniugazione dell'eleganza. Quando vedo che, giorno dopo giorno, i media ci mostrano a ripetizione i volti irriconoscibili delle vittime della barbarie ignobile di crudeli imbecilli, mi dico che l'autocensura dovrebbe essere una coniugazione del pudore e del rispetto.

In una parola, aborro la censura, ma l'applicherei sempre a me stesso, senza lasciare che qualcuno lo faccia al posto mio. Solo per eleganza e umanità.      

 

 

 

Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.