Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 

 

Editoriale agosto-settembre 2018

 

Abigaïl Bassac


Abigaïl Bassac ha conseguito un master alla Scuola Pratica di Alti Studi (sezione di scienze religiose)
e ne sta conseguendo un altro in teologia a Ginevra.
Lavora come assistente all’Istituto Protestante di Teologia (facoltà di Parigi)
e caporedattrice aggiunta di Évangile et Liberté.

 

 


Traduzione di Giacomo Tessaro

I passi biblici sono tratti dalla versione Nuova Riveduta.

28 gennaio 2019

“E voi, chi dite che io sia?” Questa domanda rivolta da Gesù ai suoi discepoli è una delle frasi bibliche più conosciute. E a ben ragione: al di là del Cristo, che va riconosciuto come tale, la domanda ci porta dritti al lavoro teologico che si impone a chiunque abbia sentito almeno una volta la parola “Dio”. Tutti abbiamo una teologia, a prescindere da chi siamo e da quanti anni abbiamo; anche quegli Uomini che sono atei hanno una loro rappresentazione di Dio, di quel Dio che loro rifiutano, ma che in qualche modo concepiscono. La nostra teologia evolve negli anni, talvolta nostro malgrado, sul filo delle nostre esperienze, delle nostre ferite, dei momenti di epifania, ed evolve anche grazie agli incontri, alle letture, a tutto ciò che fa la nostra vita.

È un cammino che non ha bisogno della nostra decisione di metterci in marcia, vale a dire che non è necessaria una laurea in teologia per tentare di rispondere alla domanda essenziale: “Chi è Dio per me?”. E non è necessario essere un fervente cristiano per diffondere una buona novella. Leggendo la Bibbia, a volte sono proprio i pagani ad avere una teologia corretta: pensiamo al centurione che pronuncia il celebre “Veramente, quest’uomo era figlio di Dio!” ai piedi della croce (Marco 15:39)! Ascoltiamo Dario, il re dei Medi, proclamare a proposito dell’Eterno: “È il Dio vivente che dura in eterno; il suo regno non sarà mai distrutto e il suo dominio durerà sino alla fine. Egli libera e salva, fa segni e prodigi in cielo e in terra” (Daniele 6:26-27). Riconoscete le vostre convinzioni in queste affermazioni per bocca di pagani? Sono la prova che l’Eterno non è la riserva di caccia di nessuno.


Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.