Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani


 

 

Le parole non amate :

Unità

 

Agnès Adeline

pastora della Chiesa Protestante Unita di Francia e cappellana al carcere femminile di Versailles


Traduzione di Giacomo Tessaro

 

9 gennaio 2020

Ogni mese ci proponiamo di esaminare una parola che riguarda il cristianesimo, e che può apparire disturbante, dolorosa o complessa. Quello che ci disgusta a volte la dice lunga su ciò che siamo, e su ciò che ci guida nella nostra fede. Dietro alle parole che non ci piacciono troveremo forse un’idea comune, che parla a ciascuno di noi senza che ne siamo coscienti.

Secondo la definizione di un dizionario, l’unità è la caratteristica di ciò che forma un tutto sostanziale e coerente. Grande è il ventaglio dei sinonimi: unanimità, accordo, uniformità, convergenza, consenso, armonia, affinità, equilibrio, tutti risultati della costruzione di una relazione.

Ogni anno, dal 18 al 25 gennaio, i cristiani pregano per la loro unità. Cosa fa l’unità dei cristiani? Forse la complementarietà, la complicità, o la gioia di fondersi in un progetto comune.

Da molti anni, però, le relazioni ecumeniche danno un’impressione di stagnamento, almeno a livello istituzionale. L’unità stenta a vedere la luce, ed è troppo spesso associata a un desiderio di uniformità, se non di recupero di chi sbaglia, generando inquietudini.

L’unità non potrà mai cancellare le specificità delle nostre identità confessionali: le Chiese, specchio dell’umanità, sono irriducibilmente plurime.

L’unita per la quale i cristiani pregano e operano è da incoraggiare senza riserve, per testimoniare la difficile lotta contro gli odî e, attraverso l’incontro e il dialogo, la vittoria sulle divisioni. Quest’unità può essere una forza positiva per vivere insieme in una società segnata dalle disparità e dalle rivalità.

Questo ci invita urgentemente a cambiare l’oggetto della nostra preghiera, ma anche la nostra mentalità e la nostra riflessione teologica. Rendere grazie per la ricchezza delle nostre diversità e celebrare senza paura il pluralismo delle nostre convinzioni è un modo intelligente di lottare contro l’oscurantismo che minaccia il nostro mondo.




Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.