Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

.

 


La lode o il toboga?

 

 

di Jean-Marie de Bourqueney

 

traduzione di Giacomo Tessaro

 

10 novembre 2014

Qualche giorno a Fes, in Marocco. Durante un incontro con la Chiesa del luogo siamo stati invitati a un “concerto di lode”. Non un concerto di lodi indirizzate a noi... No, un concerto di lode autentico, duro e puro! Ecco che mettono a posto il sonoro per cantare (bene, devo dire...) degli inni dalle parole improbabili: “Attorno al trono, per l'agnello immolato” (sic!). E per meglio “comprendere” queste parole, le cantano almeno quindici volte, come fossero dei mantra o delle invocazioni magiche. Lo sapevamo già, questa parrocchia marocchina è “pentecostalizzante”. È sempre un'esperienza interessante da vivere! Persino sorprendente! Si sta in piedi, si prega a mani levate. Gli altri, a dire il vero... In quanto a me, io osservo. Mi dico fra me e me: “Dio non è mica sordo... perché tutta questa agitazione?”. Ma mi dico anche che, a volte, le nostre celebrazioni scivolano verso l'estremo opposto della tristezza. Ancora, mi dico che questi giovani (età media attorno ai 25 anni!) subsahariani trovano qui un modo di esistere in un Paese che li rifiuta e che a malapena tollera il cristianesimo, a condizione che non sia marocchino. In breve, eccomi lì immerso nei miei pensieri che cozzano l'uno con l'altro, quando il calore mi vince. Non il calore “spirituale” che mi avrebbe fatto perdere la ragione, ma il calore tout court, quello misurabile in gradi centigradi.

Esco a prendere una boccata d'aria e lì scopro un “fratello” che mi fa capire il senso della lode. Avrà forse quattro anni. Non vuole andare al “concerto” malgrado gli ordini reiterati di sua madre. Piccole lacrime, provocazioni... Ed ecco che la madre, di fronte a quel visino adorabile, cede. Il bambino corre nel giardino, va verso l'area dei giochi. Lo guardo mentre si diverte sul toboga: una autentica felicità per lui. Ha un sorriso radioso. Il suo sorriso è autentico, non “forzato” né “liturgico”. Odo il “rumore” da una parte e condivido il silenzio felice di questo bambino. Lui ha capito tutto: la lode è un sorriso e una carezza di vita. Piccolo sconosciuto, tu sei mio fratello!


Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.