Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 

 

 

Timor di Dio


Di Gilles Bourquin*

 

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

30 ottobre 2015

Negli ambienti pietisti il timor di Dio viene presentato come un valore spirituale positivo: rappresenta il rispetto, l'amore, la riserva prudente che dobbiamo osservare in quanto peccatori di fronte alla magnificenza di Dio. Così definito, il timor di Dio costituisce la versione cristiana di un atteggiamento universale dello spirito religioso, che descrive la condizione di vassallaggio dell'essere umano di fronte al Principio Ultimo. In questo senso, non mi pare fruttuoso pretendere di farne a meno. Dovremmo tuttavia liberarci da certi modi servili di temere Dio, che oscurano la vita spirituale invece di rischiararla. Rinchiudersi nell'ossessione dei doveri religiosi è forse il più caratteristico. La Riforma del XVI secolo e il protestantesimo si rivolgono in primo luogo contro questo flagello. Basta mancare al culto, trascurare la preghiera quotidiana, abbandonare l'austerità ed ecco che compare il senso di colpa, che svaluta l'immagine che abbiamo di noi stessi. La spiritualità è intrappolata nella monotonia obbligatoria. Non sono in discussione il culto o la preghiera, ma il legame soggettivo che abbiamo con queste pratiche!

Un altro aspetto spiacevole del timor di Dio è l'inquietudine che tale concetto suggerisce. Il senso di colpa conduce al giudizio, il giudizio conduce alla paura, e la spirale della sconfitta non ci abbandona più. Per uscirne dobbiamo rivedere la nostra spiritualità a partire dalla convinzione che Dio accetta le nostre carenze. L'autentico timor di Dio consiste nel riconoscere la sua grazia e non nella speranza dei nostri meriti. Al di là dei nodi ingarbugliati della nostra personalità, lo slancio creativo ci conduce verso un cammino aperto

 

________________________

* Gilles Bourquin, dopo aver studiato teologia protestante a Neuchâtel, si dedica per una quindicina d'anni al ministero pastorale. Autore di una tesi di dottorato sulla teologia della spiritualità, è dal 2013 redattore responsabile del giornale “La vie protestante”.


 

Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.