Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 

 

 

Credo al Dio della liberazione

 

 

 

Di Christine Prieto


 

Évangile et liberté
mars 2015


Traduzione di Giacomo Tessaro

 

9 maggio 2015

Come Dio fece uscire gli Ebrei dal paese di schiavitù
allo stesso modo credo che Gesù Cristo ci fa uscire dalle nostre prigioni.
Credo che egli ci insegna, giorno dopo giorno, a costruire la nostra umana dignità
e a rimanere in piedi di fronte al Padre, nella gioia, nella pace del cuore,
nella fiducia nel suo amore e nel suo sostegno.

Credo che Gesù ci faccia scoprire chi è Dio.
Un Dio che non abita in case fatte dalla mano dell'uomo.
Ovvero un Dio che noi non possiamo racchiudere nelle statue,
nei templi, nei dogmi, nei pregiudizi.
Ma un Dio che abita le pietre viventi, che siamo noi.

Credo che Gesù ami e chiami tutti gli esseri umani senza distinzione :
le donne e gli uomini,
i bianchi, i neri, i gialli,
i poveri e i ricchi,
gli eterosessuali, gli omosessuali, i transessuali,
i giovani e i vecchi... e tutte le altre differenze che esistono.
Perché sono tutti diletti figli di Dio.

Credo che Dio voglia che costruiamo insieme un mondo di pace
condividendo la nostra diversità e le nostre ricchezze.

Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.