Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 

 

Perché sono ancora cristiana ?

 

Un incontro con la gente... e i libri

 

Dal cattolicesimo al protestantesimo attraverso i libri,
e soprattutto la Bibbia, assaporata e criticata con intelligenza

 

 

Di Guylène Dubois

 

Évangile et Liberté
mars 2015

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

4 maggio 2015

È la storia di un incontro. Un incontro con la gente e i libri.

Nativa di Melle, nel Poitou protestante, sono stata però, da piccolissima, cullata da una nonna che mi raccontava le apparizioni mariane di Bernadette Soubirous. Ho seguito scrupolosamente il catechismo fino alla confermazione poi, sempre più presa dalla pallavolo e dagli amori adolescenziali, ho battuto in breccia quel cattolicesimo che presentava due enormi difetti : i preti non erano altro che uomini e la vita sentimentale era loro proibita.

A ventisette anni, in risposta a un'offerta di lavoro come bibliotecaria, ho avuto un “colloquio di assunzione” nel quale ho confessato la mia ignoranza del protestantesimo e delle sue sfumature. Accedetti tuttavia alla biblioteca della Facoltà di teologia protestante di Parigi – un ricordo che mi commuove ancora oggi – per scoprirvi un cristianesimo centrato sulla lettura biblica e il pensiero riformato. Vi incrociavo uomini e donne, studenti e studentesse, sposati, divorziati o celibi, per i quali la lettura, in particolare quella della Bibbia, era una preoccupazione primaria, quotidiana e universitaria.

I professori – Olivier Abel, Marianne Carbonnier, Corina Combet-Galland, Jean-Daniel Dubois, Laurent Gagnebin, Jean-Louis Klein, Fronçoise Smyth... - leggevano i testi assaporandoli, criticandoli, “decostruendoli”. La Bibbia era un testo letterario esplorato sul metro della loro fede e anche della loro ragione. E poi sono divenuta protestante perché, nella storia del cristianesimo, sono apparsi i Riformatori che hanno tradotto la Bibbia in francese per renderla intelligibile al maggior numero possibile di persone.

I Riformatori per i quali la fede non si sperimentava che associandovi il cuore, lo spirito e la ragione. Tutti e tre assieme. Sì, oggi posso ancora dirmi cristiana, sicuramente perché la mia amata nonna mi ha cullata con la storia di Bernadette e della sua fede in una benevola Maria, ma anche perché, sul mio cammino di persona adulta, ho incrociato degli uomini e delle donne che vivono la loro fede senza rinunciare all'intelligenza.

Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.