Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 

 

Le parole che non piacciono

Rinnegare

 

Di Agnès Adeline-Schaeffer

 

Évangile et Liberté
mars 2015

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

4 maggio 2015

Ci sono molti motivi per non amare il verbo “rinnegare”, che è pesantemente caricato di una valenza negativa. Troviamo il suo senso primario in un contesto religioso: significa l'abbandono della fede o l'abiura di una religione. Rinnegare vuol dire cessare di essere fedele a una persona o una idea. Rinnegare è una azione che genera sofferenza, sia per la persona rinnegata, che si sente tradita, che per quella che rinnega, che scopre la ferita interiore del senso di colpa. Rinnegare qualcuno lascia un gusto amaro, in bocca come nel cuore, e fa scoprire una devastante solitudine interiore, ammirabilmente espressa, per esempio, nella musica delle “Passioni” di Johann Sebastian Bach. A seguito del rinnegamento di Pietro qualche nota cromatica discendente, prossima alla dissonanza, ci fa prendere coscienza della profonda disperazione del discepolo. Rinnegare qualcuno ci fa scoprire la parte tenebrosa del nostro essere: una debolezza personale quando ci si credeva forti, una violenza soggiacente manifestata da un atteggiamento ostile quando ci si credeva dolci, la rivelazione di una paura che porta con sé il rifiuto dell'altro quando l'altro contava proprio sul nostro sostegno.

Tutti questi rinnegamenti si possono riparare con una presa di coscienza, il riconoscimento della situazione e la richiesta di perdono. Ma la cosa più devastante, perché più difficile da superare, è rinnegare se stessi. Il nostro essere interiore si dissolve allora nel nulla. E tuttavia Cristo esige da chi lo segue di rinnegare se stesso. Seguendolo, rinunciamo a essere noi soli quello che siamo, o che crediamo di essere, per accogliere, con lui, chi siamo veramente.

Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.