Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 

 

Pastore o parroco,
un mestiere sempre
meno ricercato

 

Di Bernard Reymond

 

Évangile et Liberté
febbraio 2015

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

20 febbraio 2015

I risultati dei sondaggi d'opinione lasciano sovente perplessi, soprattutto se la forbice tra opposte opzioni è minima. Quando invece lo scarto è elevato, il sondaggio mette in evidenza una forte tendenza.

Un sondaggio effettuato in tutta la Svizzera e intitolato “Point de Suisse”, i cui risultati sono stati pubblicati lo scorso agosto ( www.pointdesuisse.ch/resultat ), ha posto la seguente domanda: “Tra i seguenti mestieri, quali non eserciterebbe in nessun caso?”. Su nove mestieri, tra i quali “venditore telefonico”, “agente di borsa”, “lavoratore edile”, “netturbino”, “inserviente geriatrico”, “poliziotto” e “artista”, “pastore o parroco” viene primo con il 73%, mentre insegnante è ultimo con il 29%.

Centocinquant'anni fa i risultati sarebbero stati certamente invertiti. Nel campo protestante il pastore era un mestiere ricercato, sia nei cantoni dotati di Chiesa nazionale, i cui costi erano sostenuti dallo Stato, che negli ambienti delle Chiese libere, deliberatamente separate dallo Stato e prive del suo sostegno. Questo per dire quanto, in Svizzera, la presa delle Chiese sulla popolazione si sia modificata, come del resto si rendono conto i fedeli che frequentano il culto: le assemblee della domenica sono al lumicino e l'età media dei membri non fa che aumentare. Il discredito di cui patisce l'immagine sociale del pastore o del prete è dovuta forse anche a un altro fattore: dato che sono divenuti meno visibili, spesso non si sa bene cosa facciano pastori e preti e ci si chiede come situarli nel paesaggio sociale.

Cosa accadrebbe se un sondaggio simile fosse effettuato in Francia o in altri paesi europei? Difficile dirlo! Ogni applicazione dei risultati elvetici ad altri contesti deve essere fatta con cautela. Il sondaggio svizzero però non può fare a meno di porci una buona domanda: a cosa serve un pastore? A niente? La domanda non è vana: l'apparente inutilità dei pastori è in grado di mettere in funzione la nostra riflessione e a farci meglio comprendere di cosa, in fondo, si tratta.


Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.