Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

.

 

Le parole che non piacciono

 

Voto

 

 

Di Sylvie Queval

 

Évangile et Liberté
gennaio 2015

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

4 febbraio 2015

Se esiste una parola ambigua, questa è senza dubbio “voto”. Del voto si dice facilmente che è pio, e questo aggettivo non è certo un complimento. Questo genere di pietà è ipocrisia perché formulare un voto pio significa credere già che non verrà rispettato. Tanto vale dire “velleità” o “sogno impossibile”. Possiamo sorridere del fatto che la pietà divenga sinonimo di menzogna quando accompagna un voto. Eppure è proprio con pietà che i religiosi pronunciano i voti. Sono “pii” quei voti di povertà, castità e obbedienza? Non sta a noi rispondere.

Capiamo come ogni voto rischia di non essere altro che un vano sogno perché il voto pretende di padroneggiare il tempo. Fare un voto significa, nel senso etimologico (dal latino “vovere”), fare una promessa, dire oggi cosa sarà domani. C'è una certa tracotanza nel voto che pretende in questo modo di controllare il divenire.

Non stupisce dunque che questa parola così ambiziosa abbia finito per assumere un senso impoverito e sminuito. Da promessa e impegno ha finito per esprimere solamente “auspicio”, che sembra essere molto poco in confronto al primo senso. Formulare dei voti è quindi niente di più che esprimere una speranza.

E se la vera pietà non fosse in realtà in quell'atto di speranza e di fiducia nell'avvenire che è l'espressione dei voti? Concepire un voto significa credere che il peggio non è scontato e che il meglio è possibile, contro e malgrado tutti gli ostacoli. La formalità dei voti a inizio anno può allora essere qualcosa di più che conformarsi a un rituale se la viviamo nella coscienza che, osservandoli, facciamo affidamento sulla speranza. Ecco perché formulo per voi, lettrici e lettori, il voto sincero di un anno di pace e di amore.

Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.