Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

.

 

 

La Resurrezione, un miracolo ?

 

 

Di Michel Leconte

Article paru dans Évangile et liberté

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

26 marzo 2015

In altri termini, la mia domanda è: che cosa, non volendo considerare le apparizioni miracolose di Gesù, ha raccolto di nuovo insieme i discepoli che avevano lasciato cadere Gesù durante il suo arresto e la sua crocifissione, in nome dello stesso Gesù ora attestato come Cristo, Figlio di Dio, Signore? Infatti qualche cosa ha dovuto avere luogo, in loro e per loro, per poter rendere comprensibile, almeno psicologicamente, quel passaggio. Personalmente, non riesco a spiegarmelo in altro modo che con un progressivo processo di conversione sfociato in una rivelazione. Infatti il Gesù verso il quale i discepoli fanno poco a poco ritorno è interamente nuovo: adesso è il crocifisso-resuscitato, il nuovo Adamo, il giudice che tornerà, il Figlio per eccellenza, il Signore. Un'esperienza di rivelazione quindi: tutta intera la sua vita può ora essere compresa come rivelazione di Dio. È solo in questo istante, dopo la sua morte, che i discepoli “vedono” (ophtè) realmente chi è Gesù. È solo dopo la sua morte, di fronte alla sua vita tutta intera, che Gesù diventa trasparente per loro. È la loro fede che ora coglie ciò che Gesù è, qual è il suo essere profondo, quello che solo Dio poteva vedere. Nella loro fede, i discepoli interpretano questa rivelazione come una grazia, una iniziativa di Dio e del suo Cristo vivente, di qui le loro espressioni “si è fatto vedere”, “si è dato a vedere” (1 Corinzi 15:6-8) o ancora l'esclamazione di Paolo in Galati 1:15-16: “Dio [...] si compiacque di rivelare in me il Figlio suo...”.

I racconti che si trovano nei vangeli sono, per me, pure costruzioni letterarie destinate ad annunciare, nel solo modo che gli evangelisti avevano a disposizione, la Buona Novella della resurrezione di Cristo, ovvero che Dio, attraverso Gesù, è entrato nella storia degli uomini, attraverso e in colui che può essere chiamato suo Figlio. Tale rivelazione, che questi racconti cercano di esprimere, sconvolgerà la loro visione del mondo e di Dio. Senza questa prima esperienza dei discepoli noi non potremmo dire oggi che “Cristo vive nel suo corpo che è la Chiesa universale, di cui siamo i membri”.       

 

Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.