Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

.

 

 

Le parole che non piacciono

 

Volontario internazionale

 

Di Henri Persoz

 

article paru dans Évangile et Liberté

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

 

19 marzo 2015

 

 

Spesso i giovani mi dicono: quest'estate vado “a fare il volontario” in Vietnam, in Nepal o in un altro paese esotico. Vanno a fare volontariato come si andrebbe a fare scoutismo o windsurf. Quando al loro ritorno chiedo in cosa sia consistito il loro volontariato internazionale rimangono un po' sul vago, dicono che il tutto era mal organizzato ma che conservano un bel ricordo degli incontri con quelle popolazioni lontane, che vivono con pochi mezzi e in generale sono molto accoglienti. Questi giovani hanno dei buoni sentimenti e laggiù possono rendere dei buoni servigi e testimoniare la loro generosità. Ma avremmo un certo sviamento linguistico e di senso se il volontariato diventasse in primo luogo un modo di fare delle vacanze pagate. Dopo tutto, cos'è il volontariato? Forse si tratta semplicemente dell'incontro dell'uomo con l'uomo. E l'uomo in capo al mondo, che vive come molti secoli fa, non raggiunto dagli slittamenti della nostra civiltà, ha con tutta evidenza qualcosa da insegnarci. Chi aiuta in questo caso? I nostri giovani volevano rendere un servizio a quei diseredati lontani. L'hanno fatto, più o meno efficacemente. Sono stati loro però a maturare, trovandosi brutalmente a vivere una vita dura, spesso senza acqua corrente e senza elettricità e talvolta senza gabinetto, non potendo mangiare che una ciotola di riso al giorno. Hanno legato, con simpatia e complicità, con i loro ospiti, al di là della difficoltà della lingua. Sì, il volontariato internazionale ha degli aspetti positivi, dopo tutto. Mostra ai nostri giovani che siamo degli autentici privilegiati e che la felicità non consiste unicamente nell'aumentare il “potere d'acquisto”, come vorrebbero farci credere i nostri media.  

 

Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.