Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

.

 

Su Gerusalemme

pulsano la luce e l'amore

 

 

Giacomo Tessaro

 

 

19 marzo 2015

Osea 6,1-6

1 «Venite, ritorniamo al Signore:
egli ci ha straziato ed egli ci guarirà.
Egli ci ha percosso ed egli ci fascerà.
2 Dopo due giorni ci ridarà la vita
e il terzo ci farà rialzare
e noi vivremo alla sua presenza.
3 Affrettiamoci a conoscere il Signore,
la sua venuta è sicura come l'aurora.
Verrà a noi come la pioggia di autunno,
come la pioggia di primavera, che feconda la terra».
4 Che dovrò fare per te, Efraim,
che dovrò fare per te, Giuda?
Il vostro amore è come una nube del mattino,
come la rugiada che all'alba svanisce.
5 Per questo li ho colpiti per mezzo dei profeti,
li ho uccisi con le parole della mia bocca
e il mio giudizio sorge come la luce:
6 poiché voglio l'amore e non il sacrificio,
la conoscenza di Dio più degli olocausti.

Capita di chiedersi: cosa ho fatto di male per meritare questo o quello? Capita di maledire Dio quando qualcosa va storto, anche se forse è qualcosa che non andrebbe fatto, e ne siamo coscienti. Siamo sicuri di non esserci allontanati dal Signore, siamo sicuri di conoscerlo almeno un po'? Forse quando non abbiamo seguito la sua volontà ci siamo sentiti straziati, percossi, colpiti, uccisi. Ma, questo è sicuro, basta molto poco per tornare a lui, per riannodare un'amicizia sempre disponibile e benigna, per essere guariti, fasciati, rialzati, vivi. Dopo i giorni più grigi, in cui ci siamo sentiti abbandonati e disseccati, la pioggia della Parola è pronta a fecondare il nostro terreno, l'aurora dell'amore di Dio sorgerà a inondare di luce le nostre prospettive e aspettative più buie. È vero, il dono dei profeti è stato spesso e volentieri il duro giudizio di Dio, una parola talmente tagliente che sembra spietata e indifferente alle nostre ansie e alle nostre angosce; ma sotto la superficie delle sciagure di Israele e della rovina di Gerusalemme pulsano la luce e l'amore, che non solo sono il segno distintivo di Dio ma che devono diventare anche il contrassegno di chi la parola profetica l'ha ascoltata, accolta e fatta propria, come si accolgono le piogge di primavera e l'aurora: con nient'altro se non amore e gratitudine.       

 

Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.