Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

.

 

La festa per l'amico ritrovato

 

Giovanni 12,1-11

 

Giacomo Tessaro

 

 

19 marzo 2015

1 Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betània, dove si trovava Lazzaro, che egli aveva risuscitato dai morti. 2 E qui gli fecero una cena: Marta serviva e Lazzaro era uno dei commensali. 3 Maria allora, presa una libbra di olio profumato di vero nardo, assai prezioso, cosparse i piedi di Gesù e li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì del profumo dell'unguento. 4 Allora Giuda Iscariota, uno dei suoi discepoli, che doveva poi tradirlo, disse: 5 «Perché quest'olio profumato non si è venduto per trecento denari per poi darli ai poveri?». 6 Questo egli disse non perché gl'importasse dei poveri, ma perché era ladro e, siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano dentro. 7 Gesù allora disse: «Lasciala fare, perché lo conservi per il giorno della mia sepoltura. 8 I poveri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me».
9 Intanto la gran folla di Giudei venne a sapere che Gesù si trovava là, e accorse non solo per Gesù, ma anche per vedere Lazzaro che egli aveva risuscitato dai morti. 10 I sommi sacerdoti allora deliberarono di uccidere anche Lazzaro, 11 perché molti Giudei se ne andavano a causa di lui e credevano in Gesù.

Gesù, dopo la resurrezione di Lazzaro, fa festa per l'amico ritrovato, assieme alle sorelle e ai discepoli. Per Gesù, la convivialità è una gioia, un tempo di pausa nel suo peregrinare e parte integrante del suo ministero: sappiamo che a tavola non mancava mai di insegnare, anche e soprattutto in casa dei farisei e degli scribi, che non sempre la pensavano come lui, ma non per questo Gesù rifiutava i loro inviti. Qui però si trova tra amici intimi. Le due sorelle di Lazzaro non si smentiscono: mentre possiamo immaginare Marta che si dà da fare tra cucina e sala da pranzo, da perfetta padrona di casa, Maria, non contenta di ascoltare Gesù, compie un gesto altamente simbolico, arrivato fino a noi in tutta la sua pregnanza. Gesù viene unto; è un gesto che sottolinea il suo ruolo decisivo nella vita del circolo dei suoi seguaci e dell'intera storia di Israele e oltre. Forse Maria è l'unica che ha capito veramente Gesù, molto più dei discepoli, spesso deboli e duri di comprendonio, molto più della sorella Marta tutta faccende di casa, forse anche del fratello, che pure è stato risuscitato da Gesù. Molti si avvicinano a Gesù, ma pochissimi osano dei gesti così teneri come quelli di Maria. Maria, di cui ben poco sappiamo, offre il suo affetto e la sua devozione a Gesù in un modo che mai i discepoli si sognerebbero. Siamo anche noi capaci di tali gesti di tenerezza con le sorelle e i fratelli, oppure siamo pronti a rinnegarli tre volte e anche più?    

 

 

Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.