Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani


 

 

Editoriale febbraio 2021

 

 

Adrien Duclos

Adrien Duclos lavora a Parigi come sviluppatore informatico.
Dal 2020 è membro del comitato di redazione di Évangile et liberté

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

2 aprile 2021

A volte è difficile, quando ci si dichiara liberali, o ci si considera tali, non sprofondare nel pessimismo. I populismi rampanti, le privazioni imposte dalla lotta contro la pandemia e l’impressione che la società stia diventando sempre più intollerante possono a volte darci l’impressione che noi liberali stiamo combattendo delle cause perse; questo può condurci a ripiegarci sulle nostre idee e a pretendere che anche gli altri condividano le nostre opinioni liberali, il che mi pare una contraddizione in termini.

Impegnarsi per la difesa dei diritti fondamentali non sarà mai facile. Agostino ci invita a non dire mai che i tempi in cui viviamo sono buoni o cattivi, perché è a noi che spetta essere buoni, e il liberalismo predica la medesima esigenza di agire e di essere individualmente responsabili. Se forse ci sembra (non senza ragione) che i valori che noi difendiamo stiano retrocedendo, non deve essere certo una scusa per disperarsi, al contrario, è la prova che, oggi come non mai, le libertà hanno bisogno di essere difese.

Forse la tentazione del pessimismo deriva dal fatto che il liberalismo rifiuta le soluzioni magiche: non abbiamo il conforto del dogma, né alcuna arma, tranne la nostra buona volontà, e non esiste nessun piano da seguire. Il liberalismo è privo di libretto delle istruzioni, ed è polifonico per natura.

Tuttavia, l’inquietudine che proviamo di fronte alle risposte facili è solo un punto di partenza: se ci conduce al fatalismo, o al piacere sterile di pensare di aver ragione mentre il resto del mondo ha torto, ecco che facciamo della libertà un idolo, una medaglia che portiamo con fierezza, oppure un’identità, ma non una fede.

Certamente avremo la nostra parte di disperazione e di conflitti, ma la libertà si nutre anche (e forse soprattutto) della nostra determinazione e della nostra convinzione che gli ostacoli non ci fermeranno mai.

 



Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.