Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani


 

 

Editoriale

gennaio 2021

 

Pierre-Olivier Léchot

dottore in teologia e professore di storia moderna all’Istituto Protestante di Teologia (facoltà di Parigi).
Membro associato del Centro Studi sui Monoteismi (CNRS EPHE)
e del comitato della Società per la Storia del Protestantesimo Francese (SHPF).
Presidente di Evangile et Liberté, l’associazione del protestantesimo liberale di lingua francese.

 

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

9 gennaio 2021

No, il 2021 non sarà migliore del 2020. Possiamo certo augurarcelo e sperarlo, ma non inganniamoci: ciò che è successo nel 2020 lascerà delle tracce. Non tanto la crisi sanitaria e le sue disastrose conseguenze sociali, quanto le ferite inferte alla nostra libertà in nome del sacrosanto principio della sicurezza. Ovviamente non contestiamo la necessità di certe decisioni prese per rispondere a una situazione fuori dalla norma, ma ci interroghiamo sul fatto che misure come il confino, l’autocertificazione per uscire di casa e la chiusura degli esercizi commerciali siano entrati così rapidamente nelle nostre abitudini. E non parliamo di certe proposte di legge, come quelle sulla ricerca e la sicurezza, che possono costituire i prodromi di una società futura in cui la libertà potrà cedere il passo all’ordine e alla sicurezza.

Montesquieu l’aveva previsto fin dal XVIII, quando scriveva profeticamente che “ogni volta che vedremo tutti tranquilli sotto uno Stato che si dà il nome di Repubblica, potremo essere sicuri che lì la libertà non c’è”. No, il desiderio di sicurezza e tranquillità, che pure è legittimo, non dovrà mai avere la meglio sull’imperativo della libertà.

Sì, il 2020 rimarrà nella storia come l’anno che ci ha visti andare, delicatamente come una rana che appena appena freme immersa nell’acqua, verso la società della precauzione, della sicurezza e della sorveglianza, una società che gli amanti della libertà non possono che rifiutare con decisione.

Con il nuovo anno possano quindi levarsi le voci della protesta, e proclamino assieme a Paolo che “è per la libertà che Cristo ci ha liberati. Resistete dunque, e non lasciatevi mettere di nuovo sotto il giogo della servitù”.

 



Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.