Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani


 

 

Le parole non amate : Cattolico

 

 

Jean-Marie de Bourqueney



pastore della Chiesa Protestante Unita a Parigi-Batignolles.
Partecipa alla redazione e alla direzione di Évangile et Liberté.
Si interessa soprattutto di dialogo interreligioso e teologia del processo.

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

9 guigno 2020

Ogni mese ci proponiamo di esaminare una parola che riguarda il cristianesimo, e che può apparire disturbante, dolorosa o complessa. Quello che ci disgusta a volte la dice lunga su ciò che siamo, e su ciò che ci guida nella nostra fede. Dietro alle parole che non ci piacciono troveremo forse un’idea comune, che parla a ciascuno di noi senza che ne siamo coscienti.

Il passo biblico è tratto dalla versione Nuova Riveduta.

Quando nel I secolo nacque (progressivamente, all’interno del giudaismo) il cristianesimo, esso acquisì l’abitudine di prendere a prestito le parole del vocabolario politico greco per dare un nome alle sue novità e alle sue aspirazioni. Scelse così il termine “Chiesa” (“ekklesia” in greco”), un termine che indicava la comunità dei cittadini liberi delle città greche, per designare il suo nuovo modo di fare assemblea. Una parola che era tutta un programma!

Il cristianesimo fece poi la stessa cosa per esprimere la sua vocazione universale, vocazione indicata simbolicamente dal finale del vangelo di Matteo: “Andate dunque e fate miei discepoli tutti i popoli” (Matteo 28:19a). Un cristianesimo universale, dunque, ma in che modo? Le discussioni vertono su due parole che possono designare tale vocazione: “katholikos” e “oikoumene”.

Contrariamente a quanto si potrebbe credere, il primo termine è infinitamente preferibile al secondo; infatti, “oikoumene” significa l’estensione del territorio dell’Impero in una logica di conquista, un’universalità “centrifuga” che conquista terre e anime: in un certo senso, l’antenato del colonialismo.

Al contrario, il termine “katholikos” esprime l’universalità come accoglienza, in cui ogni chiesa locale è parabola dell’universalità e accoglie l’altro nella diversità dei percorsi e delle origini: è un’universalità “centripeta”.

Se guardiamo all’origine delle parole, credo quindi che la Chiesa abbia la vocazione ad essere “cattolica” nel senso dell’accoglienza universale, e che non debba affatto essere “ecumenica”, nel senso della conquista e dell’imposizione arbitraria di una verità la cui essenza consiste proprio nell’essere fallibile e parziale.

Ricordiamo poi ancora che la parola “santa” significa “che appartiene a Dio”, quindi dico volentieri ”credo la santa Chiesa cattolica”. Paradossi verbali!

 



Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.