Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani


 

 

Editoriale maggio 2020

 

 

 

James Woody


pastore della Chiesa Protestante Unita di Francia a Montpellier
e presidente di Évangile et Liberté, l’associazione del protestantesimo liberale.

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

9 guigno 2020

L’Ascensione è una presa di distanza teologica. Il racconto dell’Ascensione di Gesù, nel primo libro degli Atti, marca la distanza fisica che ormai si instaura tra Gesù e i discepoli, e per estensione, tra Gesù e tutti noi: Gesù non è più qui, tra gli esseri umani. Nell’ambito del protestantesimo la separazione di Gesù dall’universo dei viventi influisce sul senso della Cena, l’ultimo pasto di Gesù con i suoi discepoli. Durante la celebrazione della Cena Gesù, che non condivide più la nostra condizione umana, non è fisicamente presente: ecco perché, quando parliamo di “comunione” durante la condivisione del pane e del vino, parliamo di “presenza spirituale”. Possiamo dire la stessa cosa per la comunione che si concretizza tra le persone presenti, e anche con chi non è fisicamente presente, ma che si associa a quell’atto. Non è la consumazione del pane e del vino che concretizzano la comunione con Cristo o tra le persone, ma la fede, l’adesione incondizionata alla vita così come Cristo Gesù l’ha rivelata.

Sperimentiamo così fino a che punto l’assenza fisica del prossimo suscita il desiderio della sua presenza: l’Ascensione è in grado infatti di suscitare un desiderio nei discepoli, un desiderio che la presenza fisica, troppo ingombrante, impedirebbe. L’assenza fisica, la distanza con l’essere amato, l’amico, il maestro, non devono essere considerate dei disagi, bensì vanno vissute come occasioni di riappropriarsi di uno spazio di libertà personale, e quindi di responsabilità. L’Onnipresenza di Cristo, così come quella di un genitore, di un maestro spirituale o di un capo di Stato, è una maledizione; al contrario, la presa di distanza teologica, cioè l’Ascensione, ci libera da quei legami troppo fusionali che ci impediscono di mettere a frutto tutti i nostri talenti. L’Ascensione è la festa della nostra libertà.

 



Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.