Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 


Parola ebraica

« Perché agire da Ebreo? »

 

 

Tom Cohen

Tom Cohen è nato negli Stati Uniti, e dal 1992 vive in Francia.
Ha studiato per diventare rabbino a Los Angeles, New York e Gerusalemme.
È fondatore e rabbino della Kehilat Gesher, la sinagoga franco-americana di Parigi.

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

Spesso si considera il giudaismo una religione basata sull’osservanza dei “comandamenti” (“mitzvà” al singolare, “mitzvot” al plurale). Il rabbino liberale Tom Cohen ci propone un nuovo modo di considerare questa osservanza, dove la libertà ha lo spazio che le spetta.


 

6 settembre 2019

Che differenza fa? Per un’Ebrea o un Ebreo ortodossi la risposta a queste domande è in un certo senso più facile che per gli altri Ebrei. Alla domanda “Perché fare queste cose?” rispondono in modo semplice, un po’ come se fosse un gioco infantile: bisogna farlo perché è una mitzvà! Dopo tutto, se crediamo in un Dio che comanda e chiede di fare qualcosa, o di vivere in un certo modo, perché non dovremmo obbedire ai Suoi comandamenti eterni?

Per noi Ebrei liberali la questione è più complicata. Per quanto mi riguarda, concepire la mitzvà come un comandamento non funziona altrettanto bene. Dire agli Ebrei di oggi che la ragione per cui devono osservare i comandamenti è che l’ha detto Dio non è sufficiente, e usare certe forme di minaccia non funziona. Abbiamo bisogno di un nuovo modo di comprendere la mitzvà, che interpelli l’individuo e lo metta di fronte alla sfida di vederla come qualcosa di personale, che dona un senso alla sua vita e la sensazione di aver compiuto un dovere. Una mitzvà dovrebbe essere un viale che conduce verso una spiritualità più profonda e un carattere migliore, e un modo di trovare Dio nel mondo. È anche un modo per definire noi stessi. Vorrei suggerire anche di considerare la mitzvà come una “occasione sacra”; rinunciarvi è un’occasione mancata di trovare bellezza e santità nella vita, di creare senso, di trovare meraviglia e gioia nelle esperienze della vita quotidiana. Personalmente mi piace l’idea di concepire la vita come un ventaglio di possibilità, e il fatto che siamo o meno consapevoli di tali momenti costituisce la responsabilità stessa della mitzvà!



Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.