Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 


Le grandi parole della teologia : Theotokos

 

Henri Persoz

Henri Persoz è ingegnere in pensione.
Alla fine della sua carriera ha intrapreso gli studi completi di teologia, che gli hanno permesso di difendere, ancora meglio di quanto già non facesse, il suo approccio molto liberale al cristianesimo.

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

La teologia, come ogni disciplina, è una ricerca permanente, per questo ha bisogno di costruire un suo vocabolario, che evochi le idee che essa va elaborando. Ma, come in tutti i linguaggi specialistici, le sue parole divengono a volte inaccessibili. In questa serie vogliamo rendere più semplici delle parole che in realtà non lo sono. La teologia è alla portata di tutte e tutti!


 

6 settembre 2019

Questo termine greco significa letteralmente “che ha generato Dio”, ma spesso in italiano lo si traduce con “Madre di Dio”. Un prete ortodosso mi diceva che i fedeli dell’ortodossia sono sempre invitati a dire “Madre di Dio” dopo aver pronunciato il nome di Maria.

Nel cristianesimo si pose presto il problema di sapere se Maria è madre di Cristo solamente “secondo la sua umanità” o anche “secondo la sua divinità”; un problema che scatenò vivaci controversie nei primi secoli della Chiesa. Il primo a impiegare il termine “theotokos” fu Clemente Alessandrino (151-215). Nella famosa Scuola di Alessandria venne sempre sostenuta l’idea dell’unione delle due nature di Cristo, quella umana e quella divina, e l’idea di Maria madre di Dio divenne molto popolare, arrivando fino ai Padri della Chiesa.

Nestorio (381-451), patriarca di Costantinopoli, si distinse come oppositore di questa idea, in quanto si era formato alla Scuola di Antiochia, dove, alla stregua di Ario (256-336), si pensava che Cristo fosse nato uomo, e solo in seguito divenuto Dio. Nestorio non poteva ammettere che Dio fosse uscito dal ventre di una donna: “La creatura non può generare il creatore” scrisse nelle sue controversie con Cirillo d’Alessandria (376-444), allora vescovo di quella città, ma fu condannato al Concilio di Efeso (431), nel corso del quale venne riaffermata la dottrina della Theotokos. Poco dopo, Nestorio fu destituito e mandato in esilio, dove alcuni anni dopo morì. Esistono ancora dei nestoriani in Oriente, per esempio in Iraq, e nel VII secolo alcuni emigrarono fino in Cina.

La Riforma luterana non ha dato molto seguito all’espressione di “Madre di Dio”, troppo legata alla costante tendenza di elevare Maria al di sopra della condizione umana. I protestanti sono in pratica nestoriani, ma i più non lo sanno.


Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.