Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 

 

Parola islamica

Comunità di fede
e pluralismo religioso

 

Nezha Zeghari

Nezha Zeghari-Chambron, nata a Rabat in Marocco, laureata in biologia,
è ricercatrice nell’industria farmaceutica, regolare lettrice di Évangile et Liberté
e attenta frequentatrice dell’Oratoire du Louvre di Parigi.


Traduzione di Giacomo Tessaro
I passi coranici sono tratti dalla traduzione di Hamza Roberto Piccardo

 

15 febbraio 2019

Secondo un racconto coranico, Dio ha voluto dall’Umanità un impegno al momento della creazione: “’Non sono il vostro Signore?’. Risposero: ‘Sì, lo attestiamo’” (Sura 7:172). Di questo Patto originale l’uomo avrebbe conservato un’impronta dentro di sé, che gli conferisce l’intuizione dell’Uno e l’inclinazione innata verso la trascendenza. È in virtù di questo patto che l’Uomo ha ricevuto la responsabilità e la custodia della fede. [“In verità proponemmo ai cieli, alla terra e alle montagne la responsabilità [della fede] ma rifiutarono e ne ebbero paura, mentre l'uomo se ne fece carico. In verità egli è ingiusto e ignorante.” (Sura 33:72)]

La fede insufflata nell’Uomo è definita come sua natura originaria: “[…] natura originaria che Allah ha connaturato agli uomini; non c'è cambiamento nella creazione di Allah” (Sura 30:30).

La figura emblematica del credente originario è Abramo, che è anche padre dei musulmani. Nel Corano la parola “Islam”, tradotta erroneamente con “sottomissione”, non definisce tanto una religione (che è una costruzione posteriore), quanto piuttosto “la via spirituale del pieno abbandono a Dio”, una via che permette di trasformare l’intuizione innata dell’Uno in una certezza: “Così mostrammo ad Abramo il regno dei cieli e della terra, affinché fosse tra coloro che credono con fermezza” [Sura 6:75].

L’Islam “abbandono” è definito come la via che porta alla Sorgente divina e permette all’Uomo di accedere alla completezza. È una via aperta a tutti, che permette di riannodare l’asse interiore che ci lega al Tutto Unico. È una fede inclusiva, che non riguarda solamente i musulmani. Il Corano proclama una fede monoteista universale, che si manifesta nella diversità umana: “Ad ognuno di voi abbiamo assegnato una via e un percorso. Se Allah avesse voluto, avrebbe fatto di voi una sola comunità. Vi ha voluto però provare con quel che vi ha dato. Gareggiate in opere buone: tutti ritornerete ad Allah ed Egli vi informerà a proposito delle cose sulle quali siete discordi” (Sura 5:48).

Unicità e alterità, questo dovrebbe essere il credo dei credenti, e se dobbiamo farci concorrenza nella fede, allora gareggiamo in opere buone!


Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.