Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani



Le grandi parole della teologia Apofatismo

 

 

Di André Gounelle


André Gounelle, pastore, professore onorario all’Istituto protestante di teologia di Montpellier, è autore di numerosi libri e collaboratore di Évangile et Liberté da 50 anni

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

16 maggio 2018

La teologia, come ogni disciplina, è una ricerca permanente, per questo ha bisogno di costruire un suo vocabolario, che evochi le idee che essa va elaborando. Ma, come in tutti i linguaggi specialistici, le sue parole divengono a volte inaccessibili. In questa serie vogliamo rendere più semplici delle parole che in realtà non lo sono. La teologia è alla portata di tutte e tutti!

Questa parola appartiene al gergo specialistico della teologia antica e medievale. Viene da un verbo greco che significa “negare”. Una teologia apofatica (o “negativa”) nega che si possa sapere e dire qualcosa di Dio, il che può apparire contraddittorio: la teologia, infatti, è un discorso dotto (un logos) su Dio (theos). Quando si ritiene di non poter parlare di Dio, né di conoscerlo, si esce dalla teologia per entrare nell’agnosticismo.

Ma il paradosso non è così profondo come si potrebbe credere, perché in effetti la teologia apofatica non tace, non resta in silenzio: di Dio parla per stabilire che sfugge alle nostre parole e ai nostri concetti. Dio non è mai ciò che pensiamo e diciamo di lui: è ineffabile (o indicibile) e inconcepibile. “Dio non è né questo né quello” scrive Meister Eckhart (1260-1328). Le nostre parole e idee sono sempre delle false piste, che non arrivano mai a descriverlo, a delinearlo.

Per essere più precisi, dal punto di vista apofatico noi abbiamo sì una conoscenza di Dio, ma una conoscenza negativa: noi sappiamo cosa Dio non è, ma ignoriamo cosa sia. Così, quando lo si descrive come “eterno”, si intende dire che non è soggetto al tempo; quando lo si definisce “trascendente”, si vuole indicare che non appartiene al nostro mondo. È giusto dichiarare che Dio non è un essere temporale e ordinario, ma non abbiamo la minima idea di cosa siano l’eternità e la trascendenza.

L’apofatismo ha la sua parte di verità, in quanto costituisce una reazione salutare contro la pretesa dogmatica di una conoscenza perfetta e completa di Dio. Le nostre teologie hanno sempre delle deficienze, delle mancanze. Se l’apofatismo è una componente essenziale della fede in un Dio che ci trascende, ha comunque i suoi punti deboli, i suoi limiti: il messaggio evangelico afferma che Dio è amore e che possiamo percepire qualcosa di lui attraverso Gesù Cristo, il che è decisamente positivo.


Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.