Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 

 

Editoriale

 

Di Abigaïl Bassac


Abigaïl Bassac ha conseguito un master alla Scuola Pratica di Alti Studi (sezione di scienze religiose)
e ne sta conseguendo un altro in teologia a Ginevra.
Lavora come assistente all’Istituto Protestante di Teologia (facoltà di Parigi)
e caporedattrice aggiunta di Évangile et Liberté

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

4 gennaio 2018

Ogni anno, in gennaio, ci sentiamo spesso rivolgere la medesima domanda: “Quali sono i tuoi buoni propositi?”. Non mi piace affatto questa domanda; la ragione principale è la sfilza di stupidaggini che fa generalmente vece di risposta. Perdere tre chili, fare una lista prima di partire, correre al supermercato per perdere meno tempo tra gli scaffali, e mi fermo qui per non infliggervi ciò che mi affligge. È questo che ci occupa così profondamente? È questo ciò su cui riflettiamo e a cui decidiamo di dare importanza? Il risultato è che ogni anno, quando mi chiedono quali siano i miei buoni propositi, rispondo che non ne ho. Ma quest’anno credo che farò diversamente: invece di dire “Nessuno, è una cosa che trovo sciocca” e di chiudere così la discussione, risponderò in maniera meno brusca e dirò ciò a cui tento di applicarmi, nel bene e nel male, tutti i giorni dell’anno. Quando mi chiederanno quali sono i miei buoni propositi, risponderò che ne ho solamente uno: scegliere la vita. Che la domanda mi venga rivolta da un collega, una conoscente, un’amica, dalla cassiera ciarliera che mi vede un giorno sì e uno no, darò sempre la medesima risposta. Per annunciare l’Evangelo non servono né il gergo teologico né quello protestante, perché l’Evangelo si rivolge a noi nella nostra realtà, e la realtà è feroce. Tutti i giorni possiamo scegliere tra la morte e la vita. Scegli la vita, affinché tu viva, dice il Deuteronomio, e il Gesù dei vangeli non fa altro che risvegliare la vita nelle persone apatiche, resuscitarla in chi è diventato un morto vivente. Ho deciso: ogni volta che mi chiederanno quali buoni propositi ho deciso di prendere, dirò “Scelgo la vita”.


Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.