Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 


Parola islamica

Il terrorismo è l’anti-islam


Nezha Zhegari

nata a Rabat (Marocco), è dottoressa in biologia e ricercatrice nell’industria farmaceutica.
Legge regolarmente Évangile et Liberté ed è assidua ai culti dell’Oratoire du Louvre di Parigi

 

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

7 marzo 2017

I passi coranici sono tratti dalla versione di Hamza Roberto Piccardo

Il terrorismo non è una versione dell’islam, piuttosto è l’anti-islam. L’islam è un umanesimo e nell’islam la via umana è sacra: questo è un principio etico centrale. Il jihad non si identifica con il neologismo funesto del jihadismo: nel Corano esso rinvia alla legittima difesa della vita e della dignità, alla padronanza delle passioni, a un’etica esigente.

L’islam è pace ma non pacifismo; esorta sì al perdono ma non fa sua la raccomandazione evangelica di porgere l’altra guancia. L’islam autorizza la risposta decisa, anzi la raccomanda, in quanto è la condizione per una pace duratura! Tuttavia, se è giusto e razionale resistere all’aggressione, il ricorso all’autodifesa è limitato da ingiunzioni non negoziabili:

Non si deve aggredire: “Combattete per la causa di Allah contro coloro che vi combattono, ma senza eccessi, ché Allah non ama coloro che eccedono” (2:190).

La risposta deve essere proporzionale: “Aggredite coloro che vi aggrediscono. Temete Allah e sappiate che Allah è con coloro che Lo temono” (2:194).

I non combattenti sono sacri: “Se rimangono neutrali, non vi combattono e vi offrono la pace, ebbene, Allah non vi concede nulla contro di loro” (4:90).

Il primato va alla pace: “Se inclinano alla pace, inclina anche tu ad essa e riponi la tua fiducia in Allah. Egli è Colui Che tutto ascolta e conosce” (8:61).

Questi versetti sono il fondamento dell’etica islamica della guerra, riassunta nel celebre decreto di Abu Bakr nel VII secolo: “Oh soldati, ho dieci raccomandazioni da farvi! Non deviate dalla retta via e non commettete tradimento. Non mutilate il bottino, non uccidete né donne, né bambini, né vecchi, non bruciate le case. In territorio nemico non tagliate gli alberi, non devastate i campi, non avvelenate le sorgenti [...]”. L’islam delle origini è molto lontano dalla barbarie e dalla violenza cieca.

È davvero inevitabile che le tragedie attuali ci facciano dimenticare i quattordici secoli in cui la civiltà islamica ha costruito le polis della convivenza? Vi prego, non fate questo affronto ai musulmani, non pensate che la loro fede e i loro fondatori portino in sé i germi dell’odio e della barbarie.


Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.