Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 


Parola islamica


L'alterità come specchio


Estratto dal sito emridnetwork.org con l'amichevole autorizzazione di Farid El Asri


Traduzione di Giacomo Tessaro

 

15 maggio 2016

Il senso della varietà del mondo è l'opportunità della nostra umanità, che si sclerotizza a contatto di una esitante contemporaneità. Il riflesso della chiusura identitaria, la vertigine dell'ipermodernità e l'era della globalizzazione angosciante offrono l'humus in cui crescono tutte le forme di abolizione del dialogo. Dire dialogo oggi vuol dire essere sovversivi, essere controcorrente, significa osare dire che l'altro mi rende molto migliore. Il dialogo rimane lo scheletro che permette al corpo sociale di reggersi in piedi e non un dettaglio, un lusso in una società angosciata dal tempo, dal cambiamento e dall'alterità. Il dialogo è la chiave delle libertà creative, significa venire a patti con tutte le forme di diversità. Dialogare significa osare il coraggio dell'incontro e della trasformazione. Non si tratta di un lifting alla nostra percezione dell'altro ma di lasciarsi attraversare dall'altra percezione del mondo e di ingrandire la propria angolazione sull'orizzonte.

Notiamo che l'accesso alla pace passa anche per la necessità del dialogo. È impossibile parlare di fronte all'alterità senza una minima conoscenza dell'altro. La volontà di conoscere è preambolo alla conoscenza, che a sua volta apre alla ri-conoscenza. Così, la mutua comprensione interumana ci impegna sul campo della circolazione e dello scambio dei saperi ma anche in una educazione di qualità, che tenga conto della personalità dei discenti nella loro complessità e globalità. È questo il dialogo dei popoli, delle culture, dei retaggi, delle memorie e delle religioni. La sfida di conoscere se stessi e di conoscere l'altro sviluppa l'artigianato del cambiamento e della grandezza degli Uomini per il cantiere della pacificazione. Tutto il resto ha fatto prova di tragedie e di morti: un vero dialogo tra sordi.

Le trasformazioni autentiche invitano a pensare politiche nuove che diano senso e carne alle aspirazioni sociali. Dialogare vuol dire anche mettere in campo una cornice efficiente per generare il cambiamento.

 


Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.