Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 


Digressione sull'apparenza


Di Nathalie Leroy-Mandart*


Traduzione di Giacomo Tessaro

 

15 maggio 2016

Durante i culti del Venerdì santo qualche volta lascio divagare la mia attenzione. Mentre Gesù è sulla croce, i soldati si dividono la sua tunica “tessuta tutta d'un pezzo”, come sta scritto (Salmo 22:18). Io sono una professionista dello stile e non so se sono la sola che cerca di immaginare una tunica tessuta tutta d'un pezzo. Cos'è in realtà questa tunica?

Al giorno d'oggi le costrizioni dell'industria, il costo dei materiali più tecnici (quelli che lasciano traspirare la pelle senza appesantire, quelli che proteggono dai raggi ultravioletti etc.) fanno dell'adagio del tedesco Dieter Sieger “less is more” (“meno c'è, meglio è”) il leitmotiv dell'eleganza che passa per la sobrietà. L'accento è posto sul puro funzionalismo, ogni gesto di design viene valutato e quantificato. Così, le grandi firme come Coco Chanel – che aveva l'obiettivo di liberare la donna dal corsetto – e Yoshi Yamamoto, per non citarne che due, si preoccupano di pensare il vestito come seconda pelle e di immaginarlo indossato, fanno dell'apparenza sobrietà, un lusso nella nostra modernità.

Ma com'era esattamente questa tunica “tessuta tutta d'un pezzo”? Io la immagino abbastanza simile a quelle indossate dai pii Etiopi di certi documentari: un grande pezzo quadrato di tessuto i cui lembi sono regolarmente ripiegati come una sciarpa da una spalla all'altra, a meno che non si trattasse di un mantello... da poveraccio. Un abito d'un sol pezzo con una piega sul fianco, del colore naturale del tessuto? Neutro, lino o lana... Senza preoccupazioni estetiche.

Proseguendo nella mia fantasticheria, mi rendo conto che si tratta dello stesso abito indossato all'entrata in Gerusalemme qualche giorno prima, durante le famose acclamazioni “Osanna, osanna!”. Era la sua tunica da viaggio? La usava durante il pellegrinaggio? Sobria, d'un sol pezzo, ma senza dubbio di grande valore: infatti i soldati, che non dovevano essere mal pagati, se la contesero...

 

* Nathalie Leroy-Mandart è designer e lavora presso Norimberga in una nota azienda di articoli sportivi. Durante il fine settimana vive a Strasburgo. È un fiero membro del consiglio d'amministrazione di Évangile et Liberté.


Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.