Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 


Ho voglia di gridare


Di Jean Dumas

pastore emerito. È stato attivo nella Conferenza Mondiale delle Religioni per la Pace, poi ha fondato dei gruppi di riflessione liberale nel sudest della Francia. È autore di libri sul dialogo tra le religioni, la reinterpretazione del vangelo di Giovanni e l'apporto dell'ateismo nella comprensione della fede

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

22 febbraio 2016

Sono pastore, e sono arrivato alla fine di una lunga vita: ho voglia di gridare la mia collera.

Siamo rinchiusi in un vicolo cieco e oscuro, e io voglio gridare. La mia Chiesa si comporta come fosse cieca sul suo avvenire e rifiuta di essere lucida riguardo se stessa e il mondo.

Sarebbe ora che le scaglie le cadessero dagli occhi. Il mondo di ieri non è più, al suo posto c'è un nuovo mondo. È davvero ora che le nostre Chiese si adattino, invece di vivere sempre in un passato ormai superato!

Voglio gridare queste verità che feriscono, ma che possono guarire.

Poiché vedo una luce che indica il cammino ormai da molti decenni, ma che trascuriamo. Il protestantesimo che chiamiamo “liberale” ha sangue nuovo. Appoggiandosi sulle opere teologiche di Tillich, riprese da Gounelle, Gagnebin, Picon, Spong e altri, il rifacimento della comprensione della fede cristiana si armonizza con il mondo di oggi.

Se voglio gridare è perché i miei amici di ieri, che considero tutt'ora i miei fratelli e le mie sorelle nella mia Chiesa, mi trattano come se non fossi cristiano: me l'hanno detto apertamente. Con il pretesto di salvaguardare gli antichi dogmi e i riti classici fanno di tutto per denigrare il pluralismo delle convinzioni. La tendenza liberale del protestantesimo viene dichiarata pericolosa per la fede dei fedeli. Ecco quindi che “ora queste tre cose permangono: la fede, la speranza e lo status quo. Ed è lo status quo che è il più forte”.

Ma voglio gridare anche all'indirizzo del liberalismo.

La definizione che si è dato non tiene conto di una realtà tuttavia essenziale per il mondo e per la Chiesa: quella del Soffio (traduzione preferibile a “Spirito Santo”). La nostra epoca manca del soffio. E constato che il movimento liberale protestante si volge principalmente verso la critica biblica – e quanto ce n'è bisogno! - e gli imperativi etici – necessari e urgenti al giorno d'oggi! Ma evitare la spiritualità e la mistica conduce all'impoverimento della fede.

Ecco quindi che il mio grido si fa appello ai miei amici partigiani del protestantesimo liberale.

Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.