Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 

 


Editoriale « Évangile et Liberté »

ottobre 2015


 

Di Raphaël Picon

Raphaël Picon insegna teologia pratica all'Istituto protestante di teologia di Parigi

 

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

11 dicembre 2015

Ci sono immagini di Dio che ci piacciono: quelle che hanno in sé un'idea di movimento, di creatività, di trasformazione; quelle che ci invitano a credere nel Dio che opera nell'abbellimento del mondo, che arricchisce le possibilità della realtà, che ci attrae verso un futuro migliore. Ci sono immagini di Dio, ancora più sottili, che ci piacciono ugualmente: quelle che evocano una certa instabilità, una liberazione dal nostro comfort, dal nostro status quo, dalla nostra inerzia. Abbiamo molte ragioni per giustificare l'attaccamento a questo Dio che associamo alla potenza creatrice: l'amore per la vita nel suo dinamismo, la passione per un Dio concepito come slancio vitale e forza di resistenza politica contro una certa dogmatizzazione del pensiero religioso. Ma un mondo reso così vivo da questo Dio del movimento potrebbe rivelarsi inabitabile se gli togliessimo tutti i benefici del Dio della stabilità. Cos'è Dio, infatti, se non l'equazione sempre improbabile di avventura e pace, movimento e stasi, creatività e radicamento? È proprio nel pieno dei nostri tormenti, quando tutto vacilla, che l'idea biblica della “rocca” ritrova la sua scintillante verità e le parole del Salmista il loro delizioso sapore: “Il SIGNORE è la mia rocca, la mia fortezza, il mio liberatore; il mio Dio, la mia rupe, in cui mi rifugio, il mio scudo, il mio potente salvatore, il mio alto rifugio” (Salmo 18:2). Magnifico! Dio perciò e ciò che in noi può essere “eterno”. Dio è ciò che fa sì che noi possiamo essere, ovvero avere un valore intrinseco, liberi da ogni movimento, da ogni progetto, da ogni realizzazione. Il mio “alto rifugio” diviene quindi quel Dio che sta al di là dell'animato e dell'inanimato, persino al di là di quello che egli stesso fa, al di là di un'esistenza guidata da lui, un dinamismo creatore. È a questo titolo che possiamo dire che Dio è un assoluto e che questo assoluto è liberazione. Ma prima dobbiamo decostruire l'immagine stessa della stabilità, per salvarla dal rischio della fissità mortale e poterla così ritrovare.

 

Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.