Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 

 

 

« Crocifisso ! »


 


Di Jean-Marie de Bourqueney*

 

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

15 novembre 2015

Dato che sono appassionato di pittura in generale e di quella di Botticelli in particolare, mi capita di fare delle ricerche di immagini per illustrare un culto o una conferenza. Eccomi dunque, in occasione della settimana “santa” (sono sempre rimasto stupito dalla “santità” di tale settimana, ma questo è un altro discorso...), preparare il culto del venerdì “santo” (ancora!). Digito “crocifisso” su Google, sperando veramente di trovare delle rappresentazioni alternative a quelle classiche che avevo utilizzato fino ad allora nei culti. Quale non fu la mia sorpresa nel vedere numerose pagine consacrate... allo sport! Nadal aveva “crocifisso” il suo avversario, Messi (un nome da predestinato!) aveva “crocifisso” il portiere del Real Madrid. E non aggiungo altro... Sapevo che il vocabolario religioso influenza spesso il linguaggio corrente: per esempio, quando si parla di ecumenismo tra partiti politici. In quel caso però mi stupiva la violenza del concetto. “Crocifiggere” qualcuno che, come voi, sta solamente giocando, è qualcosa di inquietante. Lo sport è certamente divenuto, o forse è sempre stato, lo sfogatoio di ogni violenza, come in altri tempi i giochi del circo: René Girard ha mostrato con pertinenza tale violenza fondativa. Lo sport diviene così il luogo in cui si difende un'identità, una città, una nazione. Che sia uno sfogatoio mi sta bene, ma non che diventi un patibolo! Potremmo d'altronde dire la stessa cosa del nostro rapporto con gli uomini politici, che si lasciano fischiare e contestare ovunque vanno, facile e sistematico bersaglio dei giornali, fenomeno che, con un termine preso in prestito dall'inglese, si definisce “bashing”. A quando il “crucifying”?

Si pone quindi una domanda: quali parole più pacifiche potremmo proporre ai commentatori sportivi? Ne propongo una: “Chiesa”. Questa parola, originariamente presa in prestito al vocabolario politico greco (ekklesia), designava la comunità dei liberi cittadini. Proponiamo allora che i giocatori e gli spettatori divengano una Chiesa, al Vélodrome o al Parco dei Principi...

* Jean-Marie de Bourqueney è pastore della Chiesa Protestante Unita a Parigi-Batignolles. Partecipa alla redazione e alla direzione di Évangile et Liberté. Si interessa soprattutto di dialogo interreligioso e teologia del processo.

Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.