Protestants dans la Ville

Page d'accueil    Liens    

 

Gilles Castelnau

Images et spiritualité

Libres opinions

Spiritualité

Dialogue interreligieux

Hébreu biblique

Généalogie

 

Claudine Castelnau

Nouvelles

Articles

Émissions de radio

Généalogie

 

Libéralisme théologique

Des pasteurs

Des laïcs

 

Roger Parmentier

Articles

La Bible « actualisée »

 

Réseau libéral anglophone

Renseignements

John S. Spong

 

JULIAN MELLADO

Textos en español

Textes en français

 

Giacomo Tessaro

Testi italiani

Textes en français

Giacomo Tessaro > Testi italiani

 

 

 

Sull'uguaglianza


Di André Gounelle*

 

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

30 ottobre 2015

Siamo tutti uguali ! Questa parte del motto della Repubblica francese non significa, evidentemente, che siamo tutti identici: l'egualitarismo può essere nefasto. Come possiamo comprendere correttamente il termine “Uguaglianza”?

 

Non si sfugge dall'ineguaglianza. La natura crea i grandi e i piccoli, gli intelligenti e gli stupidi, i forti e i deboli, i belli e i brutti, i sani e i malati. La natura non distribuisce in maniera equa l'abilità, l'ingegno o la sensibilità; distingue tra i sessi e dona vari colori ai capelli, agli occhi e alla pelle. La natura è giocoforza inegualitaria.

La dittatura dell'ineguaglianza

Le società umane sono strutturate gerarchicamente. Non tutti hanno la medesima importanza. Alcuni dispongono di un maggiore potere, sono più ricchi o hanno un maggiore prestigio e vivono meglio degli altri. La famiglia in cui nasciamo, le circostanze e le occasioni che ci permettono di acquisire determinate competenze, la dose di fortuna che ci tocca e una quantità di altri fattori, dove il caso e l'alea sono spesso più decisivi del lavoro e delle attitudini personali, danno vita a delle notevoli disparità. La Dichiarazione dei diritti dell'uomo del 1789, lungi dal condannare le distinzioni sociali, riconosce la loro legittimità quando rispondono alla “pubblica utilità” (art. 1) e riconoscono la “capacità”, le “virtù” e i “talenti” (art. 6). Invece di instaurare l'uguaglianza, la Dichiarazione giustifica l'ineguaglianza, a condizione che non abbia la sua fonte nei privilegi ereditari. Non esclude la supremazia di alcuni ma la vuole fondata sulle qualità personali e il loro apporto alla società, non sulla nascita o una scelta divina.

L'ineguaglianza è una dittatura nel senso che ci viene imposta, non è scelta da noi. Questa constatazione ha alimentato molte battaglie per cattive cause: è stata l'argomento degli avversari realisti della democrazia, dei partigiani del colonialismo occidentale, dei nazisti che volevano sterminare le presunte razze “inferiori” (ebrei e slavi). Altri, al contrario, hanno cercato di correggere, o almeno attenuare, gli squilibri, per esempio istituendo l'imposta progressiva sul reddito, un blando tentativo di ridistribuzione dei beni, oppure opponendosi alla “sanità a due velocità”, troppo sfavorevole a chi non ha i mezzi per pagare.

Il terrorismo egualitario

Gli esseri umani, scrive Tocqueville (1805-1859), “nutrono per l'uguaglianza una passione ardente, insaziabile, eterna, invincibile”, molto superiore a quella per la libertà. Accettano controvoglia la dittatura dell'ineguaglianza. Di colpo sono attratti da un egualitarismo estremista che assimila uguaglianza e uniformità e pretende di ignorare, se non addirittura di eliminare, ciò che ci distingue gli uni dagli altri. In questa prospettiva, essere uguali equivale a essere simili in tutto. Così, quando un sindaco ha tentato di stabilire il numero di studenti musulmani nelle scuole della sua città basandosi sui cognomi, è stato accusato di contravvenire ai principii della Repubblica. Non intendo affatto difenderlo e comprendo l'inquietudine per possibili discriminazioni. Rimane il fatto che i cittadini dello stesso comune differiscono per origine, cultura e religione. Ignorare la differenze non vuol dire annullarle, informarsi, invece, fornisce i mezzi per una azione efficace al servizio di tutti.

Il Terrore [dura fase repressiva messa in atto durante la Rivoluzione francese n.d.t.] illustra in maniera sinistra le derive che minacciano l'egualitarismo. Nel 1793 i rivoluzionari (che chiamavano la ghigliottina “la falce dell'uguaglianza”) cantavano :

Bisogna accorciare i giganti
E rendere più grandi i piccoli
Tutti con la stessa statura
Ecco la vera felicità.

Questo canto fa pensare a Procuste, il bandito della Grecia antica che stirava o raccorciava le sue vittime perché si adattassero al suo letto di ferro. Questa non è felicità, questo è orrore. Al di là di questi eccessi, l'universalismo egualitario porta sempre con sé la tentazione del totalitarismo e tende a vedere nelle particolarità e nelle differenze delle fonti di ineguaglianza da sopprimere. Un principio generoso diventa così oppressivo e livellatore. Gli esseri umani non sono robot od oggetti fabbricati in serie che non si distinguono tra loro. Possiedono una individualità e delle particolarità che escludono una completa similitudine. Non si equivalgono e non sono intercambiabili. Lungi dal vedervi un difetto o una ingiustizia, dobbiamo considerare tali disparità un elemento positivo, che fanno di ciascuno una persona unica e consentono la ricchezza degli scambi e il dinamismo delle comunità umane. La saggezza popolare dichiara che la morte ci rende tutti uguali, e ha ragione: rendere tutti uguali sopprime la vita, è degno di cose ed esseri inerti.

Un'uguaglianza vivibile

Come possiamo possiamo quindi comprendere adeguatamente il termine “uguaglianza” e l'ideale che esso designa?

Uguaglianza non significa che siamo o dovremmo essere tutti uguali: indica come lo Stato deve comportarsi nei nostri riguardi. La Repubblica stabilisce l'uguaglianza quando sottomette alle medesime leggi ricchi e poveri, persone celebri e oscure, dirigenti e governati, uomini e donne, neri e bianchi. Non si tratta, tuttavia, di applicare le leggi in maniera cieca ma, come precisa Paul Ricœur, di “trattare in maniera simile i casi simili”. Dai tempi di Aristotele si distinguono l'uguaglianza “aritmetica” (che ignora le differenze tra persone e situazioni) e l'uguaglianza “proporzionale” (che tratta ciascuna cosa e persone tenendo conto della sua identità). L'uguaglianza aritmetica consiste, per esempio, nel mettere tutti i bambini di un determinato quartiere nella stessa classe; prevedere degli insegnamenti speciali per chi non parla francese è uguaglianza proporzionale. Nella pratica, tra queste due logiche (che hanno ambedue i loro inconvenienti) si cerca sovente un compromesso.

L'uguaglianza afferma la dignità di tutti gli esseri umani i quali, nonostante le loro differenze sociali o fisiche, hanno il medesimo valore in quanto persone e il diritto ad essere rispettati allo stesso modo. L'avevano sottolineato già i puritani, molto prima dei repubblicani. Essi stabilirono una graduatoria delle attività umane: il predicatore si situava, secondo loro, al culmine della scala sociale, mentre il bracciante agricolo era al gradino più basso; ma da questo non deducevano assolutamente una gerarchia tra le persone. Il predicatore e il bracciante sono moralmente e spiritualmente uguali. Dal punto di vista sociale, hanno diritto ai medesimi elogi e ricompense se fanno bene il loro lavoro, e agli stessi rimproveri e sanzioni nel caso contrario. Agli occhi di Dio non è la nobiltà o l'umiltà della funzione che conta, bensì il modo in cui la si esercita.

Quando i sanculotti [i partigiani più radicali della Rivoluzione n.d.t.] scrivevano ai rappresentanti del popolo, si firmavano “Il tuo uguale nei diritti”: uguale non in ricchezza, in capacità o potere, ma in dignità. L'uguaglianza proclamata dalla nostra Repubblica si distingue tanto dall'insopportabile dittatura dell'ineguaglianza quanto dallo spaventoso terrorismo egualitario. Riconosciamo quindi i suoi meriti, anche quando nei fatti desideriamo una maggiore uguaglianza (per esempio, sul piano economico).

____________________

* André Gounelle è pastore, professore onorario all'Istituto protestante di teologia di Montpellier, autore di numerosi libri e collaboratore di Évangile et Liberté da 50 anni.

 

Retour vers Giacomo Tessaro

 

haut de la page

 

 

Les internautes qui souhaitent être directement informés des nouveautés publiées sur ce site
peuvent envoyer un e-mail à l'adresse que voici : Gilles Castelnau
Ils recevront alors, deux fois par mois, le lien « nouveautés »
Ce service est gratuit. Les adresses e-mail ne seront jamais communiquées à quiconque.